Beppe Vessicchio, talentuoso e prolifico direttore d’orchestra e compositore è stato nel corso delle ultime edizioni del Festival di Sanremo una vera icona, ma che “misteriosamente” non è stato presente finora sul palco del Festival della musica italiana, giunto oramai alla 72° edizione.

Sanremo 2022: che fine ha fatto Beppe Vessicchio? Sai come é iniziata la sua carriera? Non ci crederai mai

Giuseppe Vessicchio, chiamato normalmente Beppe, è nato a Napoli il 17 marzo 1956, fin da giovanissimo si avvicina alla musica e fin dalla giovane età si dimostra un eccellente produttore di musica per artisti molto famosi anche a livello internazionale. Negli anni 70 ad esempio collabora con il cantautore Gino Paoli, con il quale sviluppa canzoni come Ti lascio una canzoneCosa farò da grande, e Coppi.

Diventa un vero e proprio personaggio televisivo in quel periodo quando si aggrega alla formazione iniziale del trio comico dei Trettré, anche se successivamente lascia il trio, dove si occupava sopratutto di arrangiamenti e composizioni musicali, per continuare la propria carriera nel mondo della musica. Molto prolifica la sua carriera televisiva, come direttore d’orchestra vince quattro volte il premio come miglior arrangiatore a Sanremo, Festival che vede la sua partecipazione fin dal 1990, ed è stato anche uno dei maestri di programmi televisivi di Amici. Numerose e prestigiose le partecipazioni come direttore e arrangiatore sia in Italia che nel resto del mondo.

Beppe Vessicchio non ha ancora preso parte al Festival di Sanremo a causa di una positività al Covid-19, anche se come da lui stesso confermato, di recente attraverso l’ultimo tampone ha scoperto di essersi negativizzato, e sarà quindi presente alla quarta serata dal Festival, dove dirigerà Le Vibrazioni nei pezzi Live and let die, il brano di Linda e Paul McCartney., salvo forfait dell’ultimo minuto.

Il maestro Vessicchio infatti ha rivelato che farà il possibile pur di presenziare sul palco, che oramai lo ha definitivamente accettato  anche al di fuori del contesto “musicale”.

beppe vessicchio