L’idea di Bonus viene oramai considerata come “normale” da larga parte della cittadinanza, in quanto costituisce in senso ampio del termine una forma di erogazione di beni economici sotto forma di denaro, ma anche voucher e detrazioni messa in atto dagli ultimi governi, con il preciso scopo di offrire una forma di “aiuto” per distinte fasce di popolazione, generalmente quelle più in difficoltà ma è anche un modo per direzionare risorse in base alle proprie intenzioni, da parte dell’esecutivo.

E il Bonus Bollette di ultima “concezione”, che di fatto aumenta la soglia di questo beneficio fino a 600 euro corrisponde soprattutto ad un bisogno di ridurre la spesa legata all’energia elettrica.

Bonus Bollette 600 euro lavoratori: a chi spetta, busta paga, come funziona

Di cosa si tratta? Non del tradizionale bonus sviluppato come “limite” per le fasce di popolazione più in difficoltà, viste le difficoltà legate agli aumenti dovuti all’inflazione ed alla situazione in Ucraina.

Questo bonus che in realtà è una forma di fringe benefit, ossia una forma di “sconto” in questo caso utilizzato da parte dello stato ed erogato per le aziende e datori di lavoro con dipendenti per contrastare diverse necessità, in questo caso per ridurre la spesa legata alle bollette.

Il Bonus Bollette 600 euro viene quindi proposto dalle aziende nei confronti dei propri dipendenti a discrezione “libera” e l’importo corrispondente può essere anche superiore a 600 euro, ma in questo caso l’eccedenza viene considerata reddito e quindi sottoposto a tassazione.

Questo viene applicato per i seguenti servizi:

  • di veicoli a uso promiscuo;
  • di prestiti agevolati;
  • di fabbricati in locazione, in uso o in comodato;
  • di servizi gratuiti per il trasporto ferroviario;
  • di buoni acquisto o voucher che possono semplificare l’erogazione di beni e servizi.

Il bonus, esentasse, può essere erogato direttamente al fornitore da parte dell’azienda o come rimborso in busta paga per il lavoratore.

Bonus Bonus Bollette corrente sociale luce e gas Bonus bollette retroattivo: come averlo corrente