Charles De Ketelaere: può essere davvero l’uomo giusto per l’Atalanta?

Charles De Ketelaere è sempre più lontano dal Milan. Il trequartista belga è alla ricerca di una squadra per poter giocare con continuità e potersi rilanciare dopo un anno tribolato in rossonero. Al momento l’unica squadra che si è fatta avanti è l’Atalanta.

Charles De Ketelaere: come è impostata la trattativa con l’Atalanta

In queste ultime ore, Milan e Atalanta stanno discutendo del passato del belga alla corte di Gasperini. Al momento si sta discutendo per un prestito oneroso a 3 milioni di euro con diritto di riscatto a 23 milioni di euro.

L’operazione è stata impostata in questo modo perchè al momento nessuno si è fatto avanti per acquistare il giocatore a titolo definitivo o in prestito con obbligo di riscatto. Trattenere il giocatore al Milan sarebbe controproducente visto che c’è il rischio che l’investimento venga deprezzato di molto e la società non ha alternative sulla scelta della formula.

Charles De Ketelaere: perchè può far bene all’Atalanta

Molti si domandano perchè De Ketealaere debba scegliere proprio l’Atalanta. La squadra è allenata da un certo  Gasperini, un tecnico molto abile a valorizzare i giocatori, trovandogli la collocazione tattica giusta per fargli esprimere tutte le potenzialità. È capitato con giocatori come Cristante, Ilicic, Zapata, Muriel e Pasalic per citarne alcuni.

Per questo motivo che il belga fa bene ad andare a Bergamo per essere al centro del progetto e avere fiducia incondizionata in un ambiente con meno pressioni per poter avere maggiore esperienza in campionato difficile come la Serie A.

Charles De Ketelaere: caratteristiche tecniche

Il belga è un trequartista puro di piede mancino di ottima tecnica individuale. È stato paragonato per il ruolo al suo connazionale Kevin De Bruyne. Con Gasperini può giocare tranquillamente in quel ruolo oppure nei due dietro la punta.

La speranza è che torni il giocatore apprezzato al Bruges dove nell’ultimo anno realizzò 14 reti e fece spendere al Milan 35 milioni di euro per strapparlo alla concorrenza.