Please wait..

Jovic può restare al Milan anche in futuro: tutte le possibili soluzioni

Arrivato con grande scetticismo, Luka Jovic si sta prendendo il Milan a suon di gol decisivi. Il serbo, acquistato come vice Giroud, quando il francese è assente o non segna ci pensa lui a risolvere le partite e non far sentire la mancanza di gol al reparto offensivo milanista. Ora gli scenari sul suo futuro possono cambiare.

Jovic-Milan: la situazione contrattuale

Luka arriva dalla Fiorentina a titolo definitivo e a costo zero, un occasione che i rossoneri non si sono fatti sfuggire. Al giocatore è stato fatto un contratto fino a giugno con opzione per le stagioni successive.

In questo modo il Milan si riserva di valutare il giocatore partita dopo partita e decidere se tenerlo oppure confermarlo e se le prestazioni sono come nell’ultimo periodo le possibilità di una sua permanenza a Milano aumenteranno.

Jovic-Milan: le possibili soluzioni

L’attaccante serbo è legato al Milan con una clausola a favore della società che può rinnovargli il contratto di volta in volta per le stagioni 2024-25 e 2025-26.

I rossoneri possono decidere di fare in questo modo oppure offrire al giocatore un contratto tradizionale, magari fino al 2027 con un adeguamento dell’ingaggio.

Le parti stanno discutendo di questa possibile soluzione per verificarne i margini di un accordo tra le parti.

Jovic-Milan: caratteristiche tecniche

Luka è una punta centrale, ma grazie alla sua duttilità può giocare in altri ruoli: infatti può essere impiegato ala, tanto a destra quanto a sinistra.

Destro naturale abile nello smarcamento, specialista nel gioco di prima, è molto veloce con la palla al piede e nel cambio di direzione. Forte fisicamente, sa segnare con entrambi i piedi, in acrobazia e di testa; è un attaccante d’area più che un giocatore abituato a partire da lontano.

Per quanto concerne il fiuto per il gol, il serbo agli esordi prometteva bene, dato che all’Eintracht in una stagione aveva segnato ben 17 reti. Successivamente si è un po’ perso prima al Real e poi alla Fiorentina. Al Milan invece si sta rilanciando.