L’Assegno Unico ha rappresentato una delle novità più importanti dal punto di vista dei bonus e delle agevolazioni varie che da circa due anni (in corrispondenza con l’arrivo del Covid) hanno contraddistinto le buste paga (ma non solo) di numerosi italiani.

L’Assegno Unico per Famiglia ha di fatto preso il posto di tutte le misure di assistenzialismo per i nuclei familiari con figli sia minori che maggiorenni fino a 21 anni (nello specifico accorpa misure come bonus premio alla nascita o all’adozione (bonus mamma domani), l’assegno di natalità (bonus bebè), l’assegno al nucleo familiare con almeno tre figli, gli assegni familiari e le detrazioni fiscali per figli fino a 21 anni).

Cos’è?

Si tratta di una forma di bonus che concepita in base all’ISEE: l’Assegno Unico di 175 euro viene dato mensilmente alle famiglie con ISEE sotto i 15.000 euro, mentre 50 euro mensili (importo minimo) spettano ai nuclei con ISEE superiore a 40.000 euro.

Si tratta quindi di un bonus dall’importo progressivo.

Il calcolo dell’ISEE non è obbligatorio, ma in questo caso viene elargito il bonus minimo di 50 euro mensile.

Pagamento assegno unico a maggio: queste le date

Tramite fonte INPS, il pagamento della mensilità per i percettori dell’Assegno Unico per famiglie viene evaso a sei giorni lavorativi dopo l’inizio della mensilità, anche se possono esserci dei ritardi dovuti alle tempistiche bancarie differenti e anche dalle effettive documentazioni aggiuntivie.

Per il mese di maggio sono comunque queste le date previste:

  • 4 maggio 2022: ricarica assegno relativa ad aprile per chi non ha avuto già l’Asssegno.
  • dal 14 al 21 maggio 2022: pagamenti riferiti al mese di maggio;
  • dopo il 27 maggio 2022: integrazione sul reddito di cittadinanza.

assegno unico