Da giocatore sconosciuto a uomo del momento. È bastato poco a Wilfried Gnonto per prendersi le luci della ribalta. La sua giocata che ha portato al gol Pellegrini contro la Germania non è passata inosservata agli occhi degli osservatori.

Wilfried Gnonto: l’esordio nel grande calcio

Gnonto è nato in Italia, precisamente a Verbania il 5 novembre del 2003. Le sue origini sono però ivoriane, come i suoi genitori. I primi passi da calciatore li ha mossi nel settore giovanile dell’Inter.

Nel 2020 ha fatto una scelta che non ti aspetti: decide di non firmare il contratto da professionista per trasferirsi in Svizzera, nella squadra dello Zurigo.

Lo scorso anno esordisce in prima squadra, ma il meglio di sè lo da quest’anno con ben 8 gol 5 cinque assist, numeri notevoli per un giovane alle prime esperienze.

In un momento in cui in Italia c’è una crisi di giocatori di talento, Mancini decide di pescare nelle serie inferiori e in qualche campionato straniero. Tra queste scelte figura anche Gnonto.

Contro la Germania, la fiducia è stata subito ripagata e da un lato ci si sta chiedendo il perchè si è dovuto pescare fino in Svizzera per cercare un giocatore che possa dare una scossa alla nazionale.

Wilfried Gnonto: chi può prenderlo in Italia

Tutti si stanno domandando in questo momento, quale squadra di Serie A possa portare in Italia il buon Wilfried. Al momento non si segnala nessun interessamento da parte delle big. Per ora solo il Sassuolo ha fatto un sondaggio sul giocatore, ma resterà da capire quali saranno le richieste economiche dello Zurigo.

Wilfried Gnonto: tutte le curiosità

Il ruolo preferito di Wilfried è quello di attaccante esterno dove è bravo con entrambi i piedi e che compensa la sua bassa statura con un’ottima struttura fisica.

Al primo impatto si può parlare di un giocatore dal carattere solare e che in ogni momento non perde mai il sorriso. È molto appassionato di latino, materia che studia al liceo classico e dove si appresta ad affrontare la maturità seppur a distanza.

Tra i retroscena c’è da segnalare il fatto che il giorno dopo la partita di Bologna, Gnonto ha festeggiato nella sua camera a Coverciano studiando matematica. Adesso è difficile dire se diventerà un campione, ma il giocatore ha iniziato sicuramente con il piede giusto.