Zeki Amdouni: chi è l’attaccante che piace alla Lazio

Ottima stagione quella della Lazio, compagine che grazie al 2° posto finale, è riuscita a qualificarsi nuovamente per la successiva Champions League, condizionando in tal senso anche l’operato del mercato: la società di Claudio Lotito non è famosa per grandi investimenti, ma in attacco nello specifico, la Lazio dovrà rinforzarsi anche solo per offrire a Ciro Immobile, spesso condizionato dagli infortuni durante la scorsa stagione, una alternativa di livello. Tra i nomi “segnati” dalla Lazio c’è anche quello del giovane Zeki Amdouni.

Zeki Amdouni: chi è l’attaccante che piace alla Lazio

Zeki Amdouni, di professione attaccante centrale, il cosiddetto centravanti, attualmente in forza al Basilea, una delle principali squadre del massimo campionato svizzero, è finito nel mirino della Lazio, in quanto rientra nei parametri economici e tecnici dei biancocelesti.

Nato da padre turco e madre tunisina, Zeki Amdouni è nato a Ginevra il 4 dicembre del 2000 ed ha quindi 22 anni.

Nazionale svizzero, ha iniziato la carriera nelle giovanili del Servette, Meyrin trovando anche spazio con quelle del Étoile Carouge, società che lo ha fatto anche debuttare tra i professionisti, in 4° divisione.

Si è poi trasferito allo Stade Lausanne-Ouchy, in seconda divisione dal 2019, mantenendo una buona affinità con la rete, che ha confermato anche con la casacca del Losanna, che ha indossato nella stagione 2021/22, siglando 14 reti in 38 partite tra campionato e coppe, la prima in massima serie.

La scorsa stagione ha messo a segno con il Basilea, dove in 52 presenze ha segnato 22 reti, spesso facendo il ruolo dell’attaccante di sponda, dimostrandosi già efficace anche in campo europeo, ben figurando in Conference League.

Fisicamente appare già pronto al nostro campionato, con 183 cm per circa 80 kg di peso.

Dal 2021 è munito del doppio passaporto svizzero e turco, ha scelto di rappresentare la prima nazionalità, ed ha già esordito con 5 gare ed altrettanti gol con la Nazionale maggiore elvetica.

Zeki Amdouni