Bento, chi è il portiere vicinissimo all’Inter: età, nazionalità, dove gioca, costo, vita privata, curiosità

L’Inter ha scelto il portiere per la prossima stagione: si tratta del brasiliano Bento Matheus Krepski dell’Athletico Paranaense. Tra il giocatore e il club nerazzurro si devono soltanto ultimare alcuni tasselli con il club dove milita attualmente per poi essere ufficializzato in estate.

Indice dei contenuti

Bento: ecco quanto costa

Attualmente il valore di mercato del portiere brasiliano, oltre ad essere la richiesta dell’Athletico Paranaense, si aggira intorno ai 20 milioni di euro. Cifra eccessiva per un portiere che la prossima stagione dovrà prendere il posto di Audero che tornerà alla Sampdoria.

L’accordo col giocatore ormai è cosa fatta, si conta di trovare una soluzione con il club brasiliano per ottenere uno sconto sul cartellino. A fare da mediatore sarà Julio Cesar: uno degli eroi del triplete

Bento: carriera

Il brasiliano nasce a Curitiba il 10 giugno del 1999. Cresce nelle giovanili Athletico Paranaense, squadra dove milita dal 2019. Infatti il portiere brasiliano non ha ancora cambiato casacca da quando ha iniziato la carriera da giocatore nel lontano 2020 debuttando in Coppa Libertadores contro il River Plate per poi esordire anche in campionato col Palmeiras.

L’estremo difensore vanta 151 presenze con 154 gol subiti e 52 gare con la porta inviolata, praticamente un terzo delle gare disputate. Quest’anno ha debuttato anche nella Nazionale della Selecao.

Bento: caratteristiche tecniche

Bento è un portiere dotato di una buona reattività, con un’ottima capacità nell’andare a terra sia nelle parate classiche, che nelle uscite basse incontro all’avversario.

Inoltre possiede di un piede educato in fase di rinvio con capacità di leggere le ripartenze dei suoi compagni di squadra. È stato paragonato a Julio Cesar.

Bento: vita privata è curiosità

Dai social possiamo dedurre che il portiere dovrebbe essere sposato con l’influencer Naty Cassaniga che è madre di una figlia. Tra le curiosità spicca che il brasiliano possiede una fattoria per volere del padre che voleva che il figlio facesse pratica con cavalli e bestiame. La carriera dell’atleta ha preso altre strade.