Federico Cerone è il classico numero 10 che regala giocate per le quali vale la pena di pagare il biglietto della partita, è lui uno dei segreti del Giugliano capolista.

Federico Cerone: una carriera sempre al top

Federico Cerone è nato il 1° novembre 1985 a Roma ed ha mosso i primi passi della sua lunghissima carriera nel Frascati.

Tantissime le maglie vestite dal trequartista con esperienza anche nell’allora C 1. Pisa, Barletta, Mantova e Torres sono solo alcune delle sue esperienze tra i professionisti, ma si è messo il luce anche in Serie D con le maglie di Avezzano, Bisceglie, Brindisi e Andria giusto per citarne alcune, prima di giungere quest’estate al Giugliano.

Ovunque abbia giocato ha lasciato il segno con il suo delizioso sinistro e la sua fantasia capace di cambiare volto alle gare in un attimo.

L’esperienza giuglianese

A 36 anni Cerone è giunto a Giugliano ed è stato il colpo da 90 messo a segno dalla famiglia Mazzamauro. Gli è stata affidata la maglia numero 10, che il calciatore romano sta onorando al meglio, è infatti il capocannoniere della squadra con 8 reti, ma ha anche fornito 7 assist vincenti ai propri compagni di squadra.

Dotato di un piede sinistro vellutato, spettacolare e anche potente è diventato ben presto il punto di forza della capolista del Girone G di Serie D.

Fantasia al potere

Federico Cerone nonostante l’età è capace di regalare giocate da far stropicciare gli occhi a chi lo vede. Legge la giocata sempre un momento prima degli altri e così spacca le partite.

Il suo sinistro delizioso è manna per i compagni di squadra, perchè ogni volta che tocca palla inventa qualcosa di importante e pericoloso per le squadre avversarie.

Marcarlo è quasi impossibile, i suoi lanci, i cambi di campo e le prodezze balistiche sono presenti in ogni partita e nonostante gli avversari cerchino di arginarlo riesce sempre a trovare il guizzo giusto per lasciare il segno.

Ha un punto di forza anche dai calci piazzati, le sue punizioni sono quasi una sentenza così come i calci d’angolo, da cui sono nate molte delle reti del Giugliano.

Dal dischetto è di una freddezza unica, infatti nella stagione in corso ne ha sbagliato solo uno contro l’Afragolese ma quando il Giugliano era già in vantaggio, e lo ha sbagliato solo per qualche centimetro, infatti aveva spiazzato il portiere ma la palla si è andata a stampare sul palo.

E’ un vero trequartista che tra le linee sa farsi sempre trovare pronto e all’occorrenza non disdegna di dare una mano in fase di recupero. Insomma un calciatore completo, che avrebbe potuto avere una carriera ancor più gloriosa, perchè in categorie superiori è difficile trovare un calciatore tanto completo.

Intanto se lo gode il Giugliano che sta trascinando alla promozione tra i professionisti e fino a quando il fisico terrà sarà sempre una spina nel fianco per le difese.

Uomo di poche parole ma di tanti fatti, si fa apprezzare anche per la sua disponibilità verso il tifo giuglianese, sempre pronto a regalare un sorriso, a scattare un foto ricordo e soprattutto a regalare magie sul terreno di gioco.

Calciatori con la sua classe non ce ne sono molti in giro e pochi ne vedremo anche in futuro.

Vai Cerone e regala ancora perle di calcio come solo tu sai fare!

Foto: Salvatore Cacace