Il Giugliano domani alle ore 15:00 sarà impegnato nella semifinale della poule scudetto contro una delle squadre favorite per il titolo, il San Giuliano City.

Giugliano: trasferta insidiosa e sorteggio alquanto dubbio

Il Giugliano sarà impegnato in una trasferta molto insidiosa in quel di Sesto San Giovanni contro il San Giuliano City, squadra che ha stravinto il Girone B di Serie D con 82 punti contro i 66 del Legnano seconda.

Squadra che è stata capace in due anni di passare dall’Eccellenza alla Serie C con un ruolino di marcia da fare invidia in questa stagione: 25 vittorie, 7 pareggi e 6 sconfitte; 81 reti realizzate e 39 subite, un vero trionfo.

Nel triangolare della poule scudetto ha concluso a punteggio pieno battendo Novara in trasferta e Arzignano.

Una squadra dunque molto difficile da affrontare per il Giugliano soprattutto perchè si gioca in terra milanese e su questo ci sarebbe tanto da dire, perchè sono le uniche due squadre che hanno chiuso i propri triangolari a punteggio pieno e non si capisce come mai si siano dovute scontrare in semifinale.

Come mai il Novara classificatosi come migliore seconda è stato scelto come testa di serie? Non era più corretto far sfidare il Giugliano con il Novara (squadra comunque fortissima) e il San Giuliano con la Recanatese?

Il sorteggio non è stato chiaro a molti e qualche cattivo pensiero anche sulla scelta dei campi purtroppo viene, bisognava farlo in diretta almeno streaming per non lasciare dubbi.

La carica dei tigrotti e qualche errore di comunicazione

Di sicuro domani i tigrotti venderanno cara la pelle per approdare alla finale, perchè non va dimenticato che il Giugliano ha una rosa molto ma molto competitiva e non può temere nessuno.

Negli ultimi giorni però qualcosa non ha funzionato nella comunicazione da parte della società, come mai calciatori sotto contratto fino al 30 giugno già hanno abbandonato la squadra ed i tifosi lo hanno dovuto sapere dai profili social degli stessi?

Parliamo di Rizzo ed il greco Emmanouil. Come mai questi calciatori hanno lasciato Giugliano prima della scadenza del contratto con la squadra ancora in lotta per una competizione nazionale? Beh su questo spiace dirlo, ma il silenzio societario di certo non giova.

Intanto in città sale la febbre per la semifinale e i tifosi saranno accanto ai propri beniamini anche in questa lunga trasferta, perchè il popolo giuglianese non lascia mai sola la squadra del cuore.