Il prossimo avversario del Giugliano nella terza giornata di campionato sarà il Picerno, squadra che si trova proprio al pari dei tigrotti a 3 punti in classifica.

Picerno: dalla Serie D ai play-off di Serie C

Questo è il secondo anno consecutivo del Picerno in Serie C dopo aver vinto i play-off di Serie D nella stagione 2020/2021 e ripescato per completamento degli organici.

La squadra lo scorso anno da neopromossa ha subito stupito chiudendo la regular season al 10° posto per poi essere eliminata al primo turno dei play-off. Un traguardo comunque importante per una cittadina che conta 5640 abitanti.

La rosa

La squadra quest’anno è stata affidata al tecnico salernitano Emilio Longo, che schiera la formazione con uno spregiudicato 4-3-3.

Nella rosa del Picerno spicca il nome dell’attaccante brasiliano Reginaldo, 39enne con trascorsi importanti anche in Serie A ed in rete nella partita vittoriosa contro il quotatissimo Foggia per 3-0.

Da tenere d’occhio anche il centrocampista Rachid Kouda, il portiere di proprietà del Crotone, Crespi e tanti calciatori di esperienza, infatti militano nel Picerno ben 12 calciatori dai 30 anni in sù.

Una rosa quindi molto esperta che si mixa con giovani dal futuro promettente.

Il cammino in campionato

Nella prima giornata ha subito incrociato il fortissimo Catanzaro ed ha subito lo strapotere dei calabresi che si sono imposti 4-0, ma si è subito riscattato contro il Foggia con le reti come già riportato di Reginaldo e a seguire del capitano Emmanuele Esposito su rigore e poi del centrale di centrocampo Francesco Pitarresi.

Il Picerno ha un’identità di gioco ben precisa e il Giugliano per avere la meglio sull’avversario dovrà diametralmente cambiare l’approccio alla gara rispetto a quanto fatto a Cerignola.