Ultima gara della 7° giornata che ha certificato una certezza, ossia quella del Napoli, che proprio assieme a pochissime squadre del campionato tra le quali proprio il Milan, che perde l’imbattibilità casalinga dopo tantissimo tempo grazie ad una prova di sacrificio e qualità degli azzurri che “sbancano” la Milano rossonera.

Milan che globalmente ha tirato di più in porta ed ha fornito comunque una prestazione di livello, ma il Napoli è riuscito a capitalizzare alla perfezione le non numerosissime palle gol, anche grazie a diverse prove dei singoli in crescendo.

Milan – Napoli 1-2: Politano e Simeone fanno “sbancare” Milano

Sfida molto affascinante fin dal principio, con il Milan che dalle prime battute prova a mettere in chiaro le proprie intenzioni: in maniera tatticamente simile alla gara coi Rangers, gli azzurri riescono a “tenere”, dimostrando una buona tranquillità e compattezza mentale.

Poco prima del quarto d’ora Meret fornisce la prima di alcune grandi parate, respingendo un tiro di Giroud, azzurri che scelgono di gestire il possesso palla del Milan non rinunciando a qualche ripartenza, grazie anche al “solito” Kvaratskhelia che durante la prima frazione fa ammonire due giocatori, Kjaer e Calabria, sostituiti da Dest e Kalulu da Pioli al termine del primo tempo.

Seconda frazione, è proprio Dest a diventare protagonista in negativo, contrastando sull’uomo la caviglia Kvara in modo irregolare in area di rigore. Penalty che viene concesso dopo l’on field review. Politano e l’incaricato a battere il rigore, che viene tirato di potenza e centrale.

Milan che si riversa quasi istintivamente in area di rigore di li a poco anche se il Napoli avrebbe qualche occasione per ripartire, Meret si rende nuovamente protagonista con una grande parata su Messias, subentrato anch’egli. Poco dopo il portiere azzurro non può niente sulla sgroppata di Theo che imbecca Giroud che segna la rete dell’1-1.

Il Napoli però non si scompone dopo aver apportato alcuni cambi come Simeone per Raspadori, ed è proprio il Cholito che segna il nuovo sorpasso di testa grazie ad un pregevole cross di Mario Rui.

Nuova reazione conseguente dei rossoneri ma in una delle vere palle gol del finale di gara è la sfortuna a frapporsi tra il Milan e il gol del nuovo pareggio, in quanto il tiro di Kalulu si infrange sulla traversa interna da pochi metri.

Il Milan ci prova fino alla fine ma la gara è vinta dal Napoli, che si porta in testa alla classifica a pari punti con l’Atalanta, Corsara a Roma.

napoli