Decreto Crescita: cosa è, quali calciatori ne usufruiscono, ecco i nomi

Come un fulmine a ciel sereno arriva la notizia dell’abolizione del Decreto Crescita da parte del Governo italiano per quei giocatori arrivati al 1 Luglio 2023 e questo provocherà non pochi grattacapi ai club di Serie A che hanno acquisito i calciatori tramite questa agevolazione.

Indice dei contenuti

Decreto Crescita: di cosa si tratta?

Tale decreto non è altro che un agevolazione fiscale a favore dei lavoratori che rientravano in Italia con una tassazione che dal 45% passava al 25%. Questo valeva per i lavoratori che non sono stati residenti in Italia nei due anni precedenti e che si sono impegnati a farlo per i due successivi. In caso di permanenza in Italia inferiore ai due anni, il beneficio fiscale decadrebbe con conseguente ritorno della tassazione al 45% su tutto il pregresso.

Di conseguenza i club italiani poteva permettersi di prendere giocatori provenienti dall’estero che avevano i requisiti offrendo a loro ingaggi importanti non andando ad incidere molto sul lordo.

Decreto Crescita: gli esclusi

Per quanto concerne le big di A i giocatori che potrebbero essere esclusi sono i seguenti: dell’Inter parliamo di Marcus Thuram e Benjamin Pavard dove lo sgravio fiscale è del 50%; il Milan ha preso Ruben Loftus-Cheek, Reijnders, Pulisic e Chukwueze; la Juventus Weah mentre il Napoli Lindstrom, Natan e Cajuste.

A seguire le romane con la Lazio che ha preso Castellanos, Kamada e Guendouzi, la Roma i vari Aouar e Ndicka mentre si salva Lukaku perchè lo scorso anno era all’Inter e quindi in Italia.

Le società dovranno corrispondere ai giocatori lo stipendio con un lordo più elevato e quindi la voce costi per le società aumenterà sensibilmente andando ad appesantire i bilanci.

Decreto Crescita: chi lo usufruisce

Come abbiamo appena detto Lukaku potrà usufruire ancora del decreto così come Leandro Paredes che giocava lo scorso anno alla Juventus. Tra le piccole squadre chi avrà ancora il beneficio è Krstovic del Lecce, come Beukema del Bologna. A seguire sempre per il felsinei l’austriaco Posch e Jackson Tchatcoua del Verona.

Serie A