È tempo di rinnovi in casa Inter. La società nerazzurra ha praticamente rinnovato il contratto a tutti i giocatori che compongono la colonna portante della squadra. All’appello manca l’ultimo tassello. Si tratta di Marcelo Brozovic. Il centrocampista croato ha il contratto in scadenza a giugno 2022 e da febbraio in poi è libero di accordarsi con qualsiasi squadra.

L’Inter cercherà di trovare un’intesa nel breve tempo possibile.

Brozovic-Inter: i nodi da sciogliere

La trattativa tra l’entourage del giocatore e la società nerazzurra è ancora tutta in salita. Il giocatore attualmente guadagna sui quattro milioni di euro all’anno e punta ad arrivare almeno a sette. L’Inter dal canto suo ritiene la richiesta eccessiva visto che il giocatore si appresta ad arrivare verso i trent’anni.

Proprio perchè sta per arrivare a questa età che Brozovic vuole monetizzare il più possibile visto che potrebbe essere l’ultimo contratto importante della sua carriera. Dal canto suo però non ha intenzione di lasciare l’Inter o di arrivare ad una rottura. Il giocatore dovrà fare un piccolo passo indietro, mentre l’Inter dovrà fare uno sforzo economico per trattenerlo.

Brozovic-Inter: le sirene estere

Non mancano le richieste per Brozovic. Su di lui ci sono squadre estere del calibro di PSG, Tottenham e il Newcastle degli sceicchi. Queste squadre possono rappresentare uno spauracchio per i nerazzurri visto che non dovranno pagare il cartellino del giocatore e possono spingere ad offrire al croato cifre importanti.

Brozovic però vuole prendere bene la sua decisione perchè bisogna tenere conto che all’Inter in questi anni si è ritagliato un ruolo da protagonista diventando il fulcro del centrocampo che ha portato la squadra nerazzurra a vincere uno scudetto dopo tanti anni. Questa centralità in una squadra difficilmente potrà averla in altri club nonostante un possibile miglioramento dal punto di vista economico.

Pertanto è le possibilità che Brozovic possa proseguire la sua avventura all’Inter sono ancora molto alte.

Seguici anche su Google News al seguente link: Leggera su Gnews