Lo scambio Gollini-Sirigu tra Napoli e Fiorentina è ormai cosa fatta.

Le due società stanno ultimando i dettagli per chiudere l’affare e nelle prossime 48 ore si può formalizzare tutto e programmare le visite mediche di entrambi i giocatori. Le due squadre hanno assecondato le richieste dei due portieri.

Gollini-Sirigu: i dettagli dell’affare

Salvatore Sirigu passerà alla corte di Italiano con la formula del prestito secco. Pierluigi Gollini invece arriverà a Napoli con la formula del prestito con diritto di riscatto passando per l’Atalanta che detiene ancora il cartellino del giocatore.

Per mettere la parola fine sull’affare serve l’ok proprio della società bergamasca, mentre tra azzurri e viola non ci sono assolutamente problemi.

Per il Napoli si tratta del secondo scambio di prestiti dopo quello di Bereszynski con Zanoli passato alla Sampdoria.

La squadra di Spalletti si aggiudica comunque un secondo portiere esperto che permette non solo di far stare tranquillo Meret, ma anche di avere un alternativa valida nel momento del bisogno.

Gollini-Sirigu: come si è arrivati alla trattativa

Entrambi i portieri nelle rispettive squadre hanno manifestato il loro malessere. Sirigu, nonostante abbia dato un ottimo contributo per la ripresa di Meret si aspettava maggior considerazione da parte di Spalletti magari giocando qualche partita tra campionato o Champions League.

Stessa sorte anche per Gollini che nella Fiorentina ci è cresciuto e ci teneva tantissimo fare qualche partita con la maglia viola, così non è stato e pertanto per i due portieri il destino cambia, con la speranza che possa essere migliore.

Gollini-Sirigu: chi ci guadagna in questo scambio

Lo scambio che Napoli e Fiorentina stanno per concludere è molto equilibrato e soddisfa entrambe le società.

Il Napoli sta vivendo una stagione straordinaria e non vuole musi lunghi nello spogliatoio che possono minare l’equilibrio del gruppo.

La Fiorentina può contare su un portiere esperto qualora Terracciano possa avere dei problemi.

Indice dei contenuti