Emanuela Fanelli è una delle ospiti di Alessandro Cattelan nel programma condotto proprio da lui in seconda serata su Rai 2.

La comica ed attrice è divenuta molto popolare grazie al format targato Rai Una pezza di Lundini, ma anche resa celebre da un popolare meme del web.

Più di recente ha posto attenzione in merito a ruoli distaccati da quelli comici, come dimostrato di saper fare all’interno di ruoli cinematgrafici drammatici, soprattutto nella recente pellicola di Paolo Virzì Siccità.

Emanuela Fanelli: età, licenziata, malattia, marito

Figlia di un contabile e di una sarta, Emanuele Fanelli è nata a Roma il 6 luglio 1986 e cresce nella periferia romana di Morena.

Si appassiona allo spettacolo, in particolare al teatro quando è ancora adolescente, sviluppando spettacoli e monologhi che mette in scena nei piccoli palchi e nei centri sociali.

Prima di diventare famosa in TV, è stata per 10 anni insegnante di scuola materna.

Vince nel 2014 il premio 48h Film Project Miglior Attrice” per il cortometraggio “Un film d’amore” e l’anno successivo arriva il debutto al cinema con la pellicola Non essere cattivo, di di Claudio Caligari, metre quasi contemporaneamente arriva l’approdo in radio all’interno del programma 610 di Lillo e Greg.

Il primo vero contatto con la TV di Emanuela Fanelli arriva nel 2016 con la serie Dov’è Mario? prima di prendere parte a La TV delle ragazze – Gli Stati Generali 1988-2018, e  Battute? e ancora più importante diventa la “spalla” di Valerio Lundini nel famoso Una pezza di Lundini.

Al termine della stagione 2021 del programma misteriosamente viene esclusa dalle ultime puntate del fortunato programma, a suo dire “silurata” senza appartente motivo anche se risulta essere come al solito presenza fissa anche per la stagione 2022.

Misteriosa e riservata la vita privata Emanuela Fanelli, che a più volte dato l’idea di essere single, scherzando su questo fattore.

Uno dei monologhi di maggior successo è stato indubbiamente quello sul cancro e sull’importanza della prevenzione, avendo avuto qualche familiare che ha contratto questa malattia.

emanuela fanelli