Alex Meret si è ripreso il Napoli. Il portiere azzurro, dopo essere stato in discussione per tutta l’estate quando la società stava trattando Keylor Navas che poi non è arrivato più, ha ritrovato quelle certezze che sembravano essere smarrite. Ora si torna a parlare di nuovo di rinnovo con le parti che sono vicinissime all’accordo.

Napoli-Meret: i dettagli dell’accordo

L’estremo difensore partenopeo firmerà un contratto che lo legherà agli azzurri fino al 2026 oppure fino al 2025 con opzione e guadagnerà un ingaggio che arriverà quasi a due milioni di euro se aggiungiamo i bonus vari.

Restano da limare alcuni dettagli, ma il rinnovo è ormai cosa fatta. Dopo aver avuto la certezza di giocare con continuità, il buon Alex non ha esitato ad accettare l’offerta di prolungamento e dopo un estate con telefono e valige pronte può ritornare ad essere quel portiere tanto apprezzato al primo anno con Ancelotti.

Napoli-Meret: tre anni difficili

Da quando è andato via Ancelotti, per il portiere azzurro è iniziato il suo periodo duro. La sua colpa era quella di non saper costruire dal basso, prerogativa di Gattuso prima e di Spalletti poi. Di conseguenza è stato sempre preferito Ospina tra i pali che dava anche sicurezza alla difesa.

Per Alex invece, quelle poche volte che giocava era un calvario. Ad ogni errore non gli si perdonava nulla e la voglia di cambiare aria era sempre più alta. In estate si è cercato invano di portare uno tra Navas e Kepa.

A campionato iniziato, l’estremo difensore è stato messo titolare inamovibile e a poco a poco si è ripreso la fiducia dei compagni, del tecnico e della società che vuole rinnovargli il contratto in scadenza il 2023.

Napoli-Meret: il contributo di Sirigu

Anche se al momento non ha ancora esordito con la maglia del Napoli, l’innesto di Sirigu si è rivelato vincente per far ritrovare serenità ad Alex. L’esperienza dell’ex portiere genoano si è rivelato fondamentale per dare sicurezza a Meret e alla retroguardia arretrata.

Indice dei contenuti