La decisione presa dalla Lega per quanto riguarda gli ultimi turni del campionato di Serie B è apparsa inevitabile: l’eccessiva incidenza di casi do covid tra i tesserati di numerose società ha portato la decisione di rinviare le partite che si sarebbero dovute disputare nei giorni 26 e il 29 dicembre.

Sono sopratutto alcune società che hanno fatto presente la situazione, come Ascoli, Pordenone, Monza, Lecce, Pisa, Como, Vicenza e Spal: sopratutto quest’ultima ha fatto registrare, tra tesserati e collaboratori, ben 20 positivi al coronavirus.

Covid, rinviati gli ultimi match di Serie B del 2021

Tale scelta è stata presa in modo pressochè unanime durante l’assemblea straordinaria tenutasi questa mattina 23 dicembre. Il campionato cadetto riprenderà il giorno 15 gennaio 2022, e a partire dal 13 gennaio saranno disputati i recuperi Benevento-Monza e Lecce-Vicenza, mentre le giornate da recuperaare relative a 26 e 29 dicembre saranno “infilate” in turni infrasettimanali successivi.

La linea contro il Covid

Diverse testate hanno anche messo in evidenza la decisione che molto presto potrebbe diventare ufficiale anche in merito al pubblico agli stadi: nessuna chiusura per il momento, ma l’ipotesi che vede una capienza ridotta al 75 % con l’obbligo di mascherina istituito sembra sempre più probabile.

La situazione è simile a quella che si sta sviluppando nel resto d’Europa, con partite rinviate sempre più frequenti. L’Italia sta rispondendo bene a questa nuova ondata, che vede anche la variante Omicron preoccupare per livello di contagio, ma allo stato di cose attuale, il calcio non si ferma.

serie b