L’Afragolese pareggiando oggi a Sassari contro la Torres 1-1 ha fatto un altro passo decisivo verso la zona play-off, ma a tenere banco da giorni sono le questioni societarie a causa di una forte discussione tra il DG Visone e la responsabile marketing Rosa Belgiorno, ma chi sembra doverne pagare le spese secondo molti è il presidente Raffaele Niutta, il quale nulla c’entra con l’accaduto.

Afragolese: Niutta uomo vero, forse non amato mai abbastanza dalla città

Raffaele Niutta è un presidente ma prima ancora un uomo vero che ha sempre messo la faccia in situazioni anche extra calcistiche.

Va ricordato alla città di Afragola che lo stesso Niutta tra tantissime difficoltà (in primis la non disponibilità di un campo in città), ha sempre portato avanti il suo progetto regalando all’Afragolese prima la vittoria del campionato di Eccellenza e quella della Coppa Italia di categoria e poi sempre come promesso ha mantenuto la squadra in Serie D e quest’anno è in lotta per i play-off.

Una persona che più volte è stata nel mirino di una parte della tifoseria, forse perchè non natio di Afragola, ma sicuramente con i fatti e non con le parole ha dimostrato di essere molto più afragolese di tanti nati in questa fantastica città.

E’ riuscito a portare ad Afragola sponsor come la Nike, regalare alla città un bus degno di squadre di Serie A, fare investimenti importanti mettendo insieme sempre rose di altissimo spessore anche se allo stadio accorrevano meno di 50 tifosi.

Il ringraziamento avuto? Quello di essere etichettato come un avvoltoio pronto a mangiarsi la città. Ma qualcuno se ne rende conto di ciò che dice?

Per quanto ci riguarda noi di Leggera.cloud ricordiamo un solo errore commesso da Niutta da quando è a capo dell’Afragolese, quello di aver avuto uno scatto sicuramente condannabile ai danni del calciatore Cerone al termine di Afragolese-Giugliano di quest’anno, ma nei giorni successivi allo spiacevole episodio il presidente si è assunto tutte le responsabilità chiedendo scusa a tutta la città di Giugliano anche attraverso i canali televisivi giuglianesi e ha accettato le dure conseguenze che la Legge sportiva gli ha comminato.

Tra Visone e Belgiorno cosa c’entra Niutta?

Tra la forte discussione tra il DG Visone e la Signore Belgiorno cosa c’entra Niutta? Questo non è ancora chiaro. La colpa del presidente è stata quella di non mandare via subito il DG?

Per onor di cronaca va ricordato che Niutta in queste settimane è stato impegnato sempre per l’Afragolese, in un viaggio in Africa, precisamente in Costa d’Avorio, per trovare nuove partnership per il nuovo anno e le intenzioni erano solo quelle di puntare con decisione a far crescere il marchio Afragolese in vista della prossima stagione, che nelle ambizioni del presidente dovrebbe essere quella della caccia alla promozione.

Niutta sessista? Ma smettiamola con il falso perbenismo

In molti dopo l’accaduto tra Visone e la Belgiorno hanno apertamente etichettato anche Niutta come sessista e perchè? Perchè quest’ultimo si è preso solo il tempo di capire cosa era davvero accaduto.

Tutti bravi ad essere perbenisti, e sia chiaro siamo i primi a condannare il sessismo, ma ci si è chiesti se le parole dette (che noi non conosciamo e vorremmo tanto sapere se altri colleghi le abbiano sentite con le loro orecchie) da Visone siano state solo frutto di un momento di rabbia o di provocazione (ipotesi) della stessa Belgiorno, la quale a più riprese è stata difesa dallo stesso Niutta negli anni di collaborazione?

La stessa Belgiorno, sicuramente in un momento di rabbia, ha in seguito al forte alterco avuto con il DG Visone, quasi minacciato il presidente Niutta con un messaggio che noi abbiamo di Leggera.cloud abbiamo a disposizione e che non pubblichiamo per rispetto, perchè crediamo che non è compito dei giornalisti sparare condanne ma riportare fatti, il resto va chiarito in sedi opportune che di certo non sono siti o giornali.

Niutta lascia?

Niutta lascia l’Afragolese? Questo si saprà quando l’attuale presidente terrà una conferenza stampa, ma se Afragola dovesse perdere un uomo di San Giorgio (come spesso etichettato quasi come offesa) è certa di avere qualcuno all’altezza di quest’ultimo per portare avanti un progetto vincente?

Ai posteri la sentenza, ma una cosa deve essere chiara, Raffaele Niutta, padre di figlia, marito e colui che ha voluto la Signora Belgiorno in società merita rispetto!