Stanislav Lobotka è senza dubbio il protagonista principale in queste prime partite giocate dal Napoli. Lo slovacco è il pilastro del centrocampo azzurro dove si fondano i successi azzurri. È bastata la sua assenza dal primo minuto, ad esempio nella gara contro il Lecce, a creare ben pochi problemi a Spalletti. Ora la società vuole blindarlo quanto prima così come sta facendo con Meret, anche lui in grande spolvero.

Napoli-Lobotka: le ultime sul rinnovo

De Laurentiis e Giuntoli vogliono fissare quando prima un incontro con l’agente del giocatore per discutere del rinnovo del contratto. Il regista azzurro attualmente guadagna 1,8 milioni di euro e l’intenzione della società è quella di prolungare il contratto fino al 2025 con un ingaggio che supera i due milioni, magari aggiungendo qualche bonus.

Per ora siamo ai primi approcci, ma nei prossimi giorni ci saranno sicuramente sviluppi e i margini di chiusura sono buoni anche perchè Stanislav per come sta giocando merita un ritocco al rialzo in linea con i parametri societari.

Napoli-Lobotka: un’avventura tutta in salita

Lobotka è arrivato a Napoli nel Gennaio di due anni fa e doveva essere lui il perno del centrocampo di Gattuso che all’epoca era orfano di un regista che possa far girare la squadra.

Complice l’esplosione di Demme, lo slovacco ha fatto tanta fatica a trovare spazio. Anche le sue condizioni fisiche non lo aiutavano. Il giocatore era apparso in sovrappeso e non aveva quella dinamicità e quel ritmo per essere titolare.

Con l’arrivo di Spalletti le cose sono cambiare, non solo ha perso chili, ma è stato piazzato nel 4-2-3-1 dove il centrocampista si è mostrato abile in tutte e due le fasi di gioco. Quello che gli è mancato un po’ lo scorso anno era la continuità visti i tanti infortuni muscolari che ha subito.

Quest’anno invece il suo rendimento è finora costante e la speranza è che lo sia per tutta la stagione.