Il Giugliano con la vittoria di ieri sul Carbonia ha praticamente chiuso il campionato, sono ormai 10 i punti di vantaggio sulla Torres ed a 12 giornate dalla fine solo un suicidio calcistico può togliere la promozione ai tigrotti.

Giugliano: vittoria e altro allungo

Il Giugliano di mister Ferraro è ritornato al successo dopo due partite e lo ha fatto nel modo che ha abituato tutti, quello di non subire gol seppur di fronte avesse un avversario non proprio temibile come il fanalino di coda Carbonia.

Dopo un primo tempo dove le occasioni non sono mancate ma si è giocato sotto ritmo (cosa che sta accadendo abbastanza spesso), i tigrotti nel secondo tempo trascinati dal solito ed implacabile Cerone hanno abbattuto il bunker sardo per poi chiudere la pratica con il primo gol in gialloblù dell’attaccante Ferrari con un preciso colpo di testa.

Dispiace per Raffaele Poziello al quale è stato annullato un gol per un fuorigioco non proprio netto e su cui restano molti dubbi, sarebbe stato il giusto premio per un figlio della città. Da segnalare nella gara di ieri l’esordio dal primo minuto del centrocampista classe 2002 Zanon.

Approfittando dei pareggi di Torres e Nuova Florida, il Giugliano ha allungato ancora una volta sulle inseguitrici e la Serie C è sempre più vicina.

Inutile nascondersi dietro un dito

Seppur società e allenatore continuano giustamente a far notare che mancano ancora 12 giornate e che il campionato è ancora lunghissimo appare chiaro che i gialloblù hanno più che ipotecato la promozione, come noi stessi affermiamo da tempo.

La scaramanzia fa parte del calcio da sempre e nulla va dato per scontato fino a quando la matematica non è dalla tua parte, ma crediamo e ogni settimana ne siamo più che convinti, che tra il Giugliano e le altre squadre ci sia un abisso enorme.

A differenza di quanto spesso viene affermato, il sottoscritto è sempre stato chiaro, sono due i fattori che giocano a favore dei tigrotti: una squadra dalle sembianze di corazzata ed un girone non proprio proibitivo.

Nel Girone G infatti oltre alla Torres, che comunque ha totalizzato fino qui 13 vittorie, 5 pareggi e 4 sconfitte e la Nuova Florida, vera sorpresa di questo campionato (entrambe sconfitte nel doppio confronto con i gialloblù), non ci sono squadre capaci di affrontare alla pari il Giugliano.

Inutile nascondersi dietro un dito, Ferraro e i suoi ragazzi stanno per coronare un sogno, solo un imprevedibile cataclisma può riaprire un campionato, che per quanto ci riguarda è chiuso già da mesi.

Guardiamo i numeri e non la scaramanzia, per questo siamo certi di non essere smentiti. Giugliano città può già prepararsi alla grande festa!