Il Genoa sta preparando la rivoluzione in vista del mercato di gennaio ed è ormai alle battute conclusive la trattativa che dovrebbe portare Roberto Piccoli alla corte di Shevchenko, tecnico che deve fare i conti con un’altra tegola, il Covid ha colpito di nuovo il capitano Mimmo Criscito.

Genoa: Piccoli l’attaccante che mancava

Roberto Piccoli classe 2001 è l’attaccante scelto per sostituire Caicedo che in questi sei mesi non si è mai visto e che invece doveva essere la punta di diamante del Grifone visti i suoi ottimi trascorsi con la maglia della Lazio.

Il Genoa è ormai alle battute finali con l’Atalanta per l’arrivo del centravanti di peso, il quale arriverà con la formula del prestito. Sarà dunque lui a dar manforte a Destro e l’intramontabile Pandev nel reparto offensivo.

Oltre a Piccoli è pronto ad approdare nella Genova sponda rossoblù l’altro atalantino Miranchuk, molto gradito al tecnico ucraino.

Piace il giovane Mijailovic

Il nuovo responsabile del mercato dei Grifoni Johannes Spors sta scandagliando l’intera Europa per rivoluzionare la rosa rossoblù così da poter tentare la risalita in classifica.

L’ultimo nome finito sul taccuino è quello del centrocampista Ognjen Mijailovic, serbo classe 2003 in scadenza di contratto con il Macva Sabac. Fisico possente (1 metro e 90 cm) ma con un ottimo senso tattico e senso del gol, potrebbe essere rilevato in questi giorni dal Genoa.

Criscito: è di nuovo Covid

Non solo buone notizie ma anche una tegola per Shevchenko, capitan Criscito è risultato di nuovo positivo al Covid. A darne la notizia è stato lo stesso calciatore attraverso i social con questo messaggio: “Dopo bambini moglie e tata non poteva farsi scappare anche me. Maledetto Covid… dopo essere stato positivo un anno e dopo aver fatto due dosi di vaccino è tornato a rompere le palle a me..”.