Il microchip è una forma di strumento altamente tecnologico che il risultato più di ogni altro delle minaturizzazione, ossia il processo che prevede un graduale riduzione delle dimensioni di una struttura.

Presente in numerosissimi strumenti elettronici, in particolare quelli di ultima generazione, serve solitamente, applicata alle tessere di ogni tipo, di conservare dati ed informazioni, e può essere “letto” attraverso dispositivi specifici.

Anche la tessera sanitaria risulta essere provvista in una delle sue ultime versioni ma lo stato ha deciso, in occasione di quella che viene definita la crisi dei microchip di iniziare a sviluppare una versione che ne è priva.

Nuova tessera sanitaria senza microchip: come funziona

La tessera sanitaria senza microchip infatti rappresenta un modo per continuare a mettere a disposizione questi strumenti che hanno la doppia funzione di tessera sanitaria ma anche di codice fiscale.

Trattandosi di un documento che ha una scadenza definita, lo stato deve provvedere a fornire una versione senza microchip, in quanto i materiali per lo sviluppo di questi oggetti risulta in questo momento difficile da reperire.

Quindi le nuove Tessere Sanitarie senza microchip avranno valenza di Codice Fiscale e di Tessera Europea Assistenza Malattia (TEAM) ma non le funzionalità della Carta Nazionale dei Servizi (identificazione e autenticazione online e firma elettronica avanzata nei rapporti con le Pubbliche Amministrazioni).

Le nuove tessere avranno quindi una funzione analoga a quelle antecedenti a quelle con il chip ma lo stato ha deciso anche di prorogare la scadenza delle vecchie Cns con il chip che varranno così automaticamente fino al 31 dicembre del 2023.

Questa procedura potrà essere effettuata attraverso un software che verrà pubblicato sul portale del Sistema Tessera Sanitaria gestito dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Questa operazione sarà possibile collegandosi sul portale del Sistema tessera sanitaria gestito dallo stesso Mef. Un’operazione per la quale è necessario essere ancora muniti del codice pin.

tessera sanitaria