Neuralink, impiantato il primo chip in un essere umano: l’annuncio di Elon Musk

Figura sicuramente interessante sotto molti punti di vista seppur divisiva tra i giudizi, quella di Elon Musk è stata soprattutto relativa all’ambito delle ricerce scientifiche in ambito tecnologico oltre che come figura di stampo sociale, al punto da esporsi in prima persona anche su temi prettamente “social” acquisendo la piattaforma Twitter (divenuta X), che però è anche molto attivo sia nell’ambito della ricerca medica come evidenziato dallo stesso imprenditore di origine sudafricana che ha ufficialmente espresso la propria soddisfazione per il primo intervento al cervello che ha permesso l’installazione di un chip neurale, chiamato Neuralink.

Si tratta secondo molti del primo chip wireless concepito appositamente per essere anche “controllato”  e per incentivare la produzione di cellule del cervello.

L’annuncio è arrivato dallo stesso Musk che ha ufficializzato il tutto ed ha anche espresso alcune parole in merito alle condizioni del paziente.

Neuralink, impiantato il primo chip in un essere umano: l’annuncio di Elon Musk

Secondo l’account ufficiale dello stessl Musk su X, il paziente sottoposto all’intervento sarebbe in buone condizioni e dopo l’installazione del chip, l’attività celebrare sarebbe andata incontro ad un promettente rilevamento di picchi neuronali.

Musk non è l’unico attualmente attivo in questo contesto, in quanto già altre aziende e start up hanno iniziato i propri investimenti in tal senso per migliorare le capacità celebrali ad esempio di persone che hanno perso o non hanno mai avuto una completa gestione del proprio cervello.

Musk ha anche paragonato eventuali miglioramenti futuri con la situazione di Steven Hawking, che con un chip del genere sarebbe stato in grado di comunicare molto più agevolmente.

Neuralink