Il Giugliano nel turno infrasettimanale valevole per la 26a giornata del Girone G di Serie D ha ripreso il proprio cammino verso la promozione aggiudicandosi il derby contro l’Afragolese per 2-0 e staccando di nuovo le antagoniste.

Un Giugliano subito arrembante

Il Giugliano scottato dalla sconfitta di sabato contro la Vis Artena è sceso in campo con ben altro piglio quest’oggi cercando di mettere subito le cose in chiaro.

Mister Ferraro ha rimesso al centro della difesa Biasiol, il quale insieme a capitan Ciro Poziello ha lasciato poche briciole al pericolosissimo attacco Afragolese formato dal capocannoniere Longo, Celiento e l’ex Caso Naturale.

Al 3′ i tigrotti hanno subito impensierito il portiere Romano con una punizione calciata dai 30 metri da Cerone, che ha costretto l’estremo difensore rossoblù alla deviazione con i pugni.

Al 5′ ancora Giugliano pericoloso con un gran destro di Gladestony dal limite deviato in angolo dal sempre attento Romano.

Dal susseguente calcio d’angolo si è sbloccata la partita. Il cross di Cerone dalla bandierina è stato girato di testa in rete proprio da Biasiol e forse il nostro articolo pubblicato giorni fa sul centrale croato ha portato bene.

Vantaggio meritato e capolista padrona del campo con De Rosa a centrocampo che ha spadroneggiato e Caiazzo in difesa a destra insuperabile, ha invece sofferto Ceparano perchè dalle sue parti si è mosso Celiento, di gran lunga il migliore dei suoi.

L’Afragolese infatti si è schierata non con il solito tridente, ma con Celiento nelle vesti di trequartista alle spalle del duo Caso Naturale e Longo.

Dopo il vantaggio il Giugliano ha mantenuto il possesso palla senza però più creare problemi verso la porta di Romano, mentre l’Afragolese ha avuto una ghiottissima opportunità per pareggiare (l’unica vera di tutto il primo tempo) al minuto 29.

Palla recuperata da Celiento nella propria metà campo che si è involato verso la trequarti dei padroni di casa per poi servire Caso Naturale, il mancino ha liberato Longo al tiro, che da ottima posizione e senza avversari ha calciato alto sprecando così il tutto.

Scampato il pericolo i tigrotti hanno subito risposto con Rizzo, ma il suo colpo di testa su cross del solito De Rosa è terminato fuori.

Il primo tempo si è chiuso quindi sul risultato di 1-0 per la capolista.

La ripresa

Nel secondo tempo il Giugliano come suo solito ha lasciato il pallino del gioco in mano all’Afragolese, che però non è mai riuscita a superare il bunker formato da Biasiol, Poziello, Caiazzo e Gentile.

I tigrotti appena ne hanno avuto la possibilità hanno provato le ripartenze passando sempre per i piedi deliziosi di Cerone, ma purtroppo Rizzo e soprattutto Kyeremateng sono sembrati lontani dalla migliore forma.

Al 58′ improvvisamente si è acceso l’italo-ghanese, che ha puntato il dirimpettaio per poi accentrarsi e calciare di sinistro a giro verso la porta, Romano ci ha messo una pezza ribattendo corto e l’accorrente Cerone non si è fatto pregare insaccando il suo personalissimo 13° gol stagionale. Raddoppio del Giugliano e partita praticamente chiusa.

L’Afragolese che era reduce da quattro successi di fila non ha trovato il modo per rendersi veramente pericolosa e le uniche vere occasioni sono arrivate da calci da fermo.

Al 66′ da calcio di punizione un colpo di testa in mischia stava per terminare in rete, ma il solito implacabile Biasiol ha respinto in acrobazia sulla linea di porta.

Al 74′ Giugliano vicinissimo al 3-0 con Ferrari entrato da appena un minuto, il suo siluro ha colpito entrambi i pali della porta afragolese per poi ritornare in campo.

L’Afragolese ha avuto la possibilità di riaprire la gara all’82’ con una punizione di Celiento dalla trequarti che ha trovato anche grazie al vento, Baietti impreparato ma la palla si è stampata sulla traversa.

Dopo 5 minuti di recupero si è conclusa la gara.

La capolista se ne va

Nello scorso fine settimana il campionato aveva subito uno scossone in negativo per il Giugliano prontamente riscattato oggi, perchè i tigrotti non solo hanno vinto una partita contro una squadra durissima ma hanno anche approfittato della sconfitta del Nuova Florida contro il Monterotondo e del pareggio della Torres contro il Carbonia.

A 8 giornate dal termine della stagione i giuglianesi si ritrovano con 10 punti di vantaggio sui laziali e 11 sui sardi, anche se queste due compagini hanno una partita ciascuna da recuperare, si può affermare che la capolista se ne va!

L’Afragolese invece nonostante abbia subito uno stop dopo 4 successi, resta in piena zona play-off grazie al pareggio tra le due dirette inseguitrici Cynthialbalonga ed Aprilia (0-0 il finale).

Bellissimo messaggio dell’Afragolese

L’Afragolese ha postato sulla propria pagina ufficiale Facebook uno stupendo messaggio di ringraziamento per il Giugliano: “L’Afragolese 1944 ringrazia enormemente la società Giugliano calcio 1928, per l’encomiabile ospitalità riservata a squadra, staff e dirigenza rossoblù in occasione della partita disputata questo pomeriggio allo stadio “Alberto De Cristofaro”.
Siamo grati e felici che una partita di calcio, sia un evento sportivo dentro, ma soprattutto fuori il rettangolo verde.
Grazie!!!