Il mondo dello spettacolo italiano, ma non solo, ha dovuto “subire” un’altra scomparsa decisamente illustre nell’ambito del cinema, del teatro e della televisione: l’attore Roberto Nobile è venuto a mancare in maniera inaspettata all’età di 74 anni a Roma, città che oramai lo aveva “adottato” da tempo.

Particolarmente famoso ed apprezzato per alcuni ruoli televisivi come quello di Antonio Parmesan in Distretto di Polizia e Nicolò Zito nel Commissario Montalbano, produzioni di grande successo in cui la sua caratterizzazione ha permesso una naturale empatia nei confronti dell’attore nato a Verona, ma di origini ragusane.

L’attore non era malato e la morte è stata come una sorta di “fulmine a ciel sereno”.

Roberto Nobile: moglie, figli e carriera dell’attore morto

Roberto Nobile era nato a  Verona il 11 novembre 1947, è stato attivo nel mondo dello spettacolo per oltre 40 anni, collaborando tra gli altri con registi di livello come Nanni Moretti, Gianni Amelio, Giuseppe Tornatore, Michele Placido mentre la carriera televisiva ha avuto inizio con un ruolo ne La piovra, dove ha partecipato attivamente alla settima e l’ottava stagione.

Altre interpretazioni da citare in Di padre in figlio, Don Matteo, Nero Wolfe e Una grande famiglia. Gli ultimi lavori televisivi sono stati in Squadra Mobile (2015), Baciato dal Sole (2016), Maltese (2018), Gli orologi del diavolo(2020).

Di recente aveva anche riavviato l’attività teatrale, avendo partecipato assieme ad una tournee allo spettacolo Le Storie del Mondo, da lui diretto e recitato.

I suoi supporters stavano aspettando una nuova lavorazione teatrale, che avrebbe dovuto essere una forma di monologo teatrale da Orazio. Nobile era un grande appassionato di drammaturgia greca e latina, come da lui più volte evidenziato.

Roberto Nobile era molto schivo e riservato in merito alla propria vita privata: l’attore scomparso era infatti sposato con Linda Maria Bongiovanni, una musicoterapista, pianista e compositrice. La coppia ha avuto due figli Marc e Lorenzo.

Roberto Nobile