Perdita decisamente importante per l’intero contesto sportivo, più nello specifico quello del ciclismo italiano: Davide Rebellin ha perso la vita a seguito di un incidente stradale proprio oggi, a seguito di un allenamento che il ciclista, seppur ritirato da poco ritirato dal professionismo, stava effettuando.

Davide Rebellin morto: età, cause della morte, incidente, moglie, figli, carriera

Davide Rebellin è venuto a mancare all’età di 51 anni, essendo nato a San Bonifacio (provincia di Verona) il 9 agosto 1971.

Legatissimo alla bicicletta ed allo sport fin dalla gioventù, si distingue in particolar modo fin da prima del professionismo, in quanto già nel 1991 si aggiudica il Giro delle Regioni, la prova su strada ai Giochi del Mediterraneo e la medaglia d’argento ai campionati del mondo di Stoccarda. Diventa professionista l’anno successivo.

Nel corso degli anni vince numerosi trofei e piazzamenti importanti, come l’Amstel Gold Race (nel 2004), tre trofei della Freccia Vallone (nel 2004, 2007 e 2009) e una della Liegi-Bastogne-Liegi (nel 2004), oltre a una tappa al Giro d’Italia. Successivamente viene trovato positivo al doping e squalificato, decisione che lo vede battersi in maniera importante, fino ad essere considerato assolto successivamente.

La carriera di professionista del ciclista di durata trentennale si era da poco conclusa in quanto aveva corso la sua ultima gara da professionista il 16 ottobre scorso sulla strade di casa alla Veneto Classic.

Davide Rebellin è morto lungo la strada Regionale 11, nel territorio del comune di Montebello Vicentino. Le prime riportano che è stato travolto da un camion che non avrebbe notato la sua presenza. Sarebbe stato il fratello il primo a riconoscerlo, una volta recatosi sul posto e riconosciuta la sua bici oramai accartocciata.

E’ stato sposato con Fanfan Antonini dal 2014. Non si sa se la coppia abbia avuto figli.

Davide Rebellin