L’idea del Bonus Docenti viene applicata e fornita in particolar modo per le fasce di cittadini più bisognose di un supporto economico sostenuto e rilevante, come è stato evidente durante il lungo periodo della pandemia.

Ma il concetto di agevolazione erogata dallo stato continua anche nel 2022, a fronte di una situazione economica poco serena, e non è un caso che anche le categorie legate al mondo dell’insegnamento didattico, come gli insegnanti, con l’inizio del nuovo “anno scolastico”, necessitano di un aiuto da parte dello stato come il Bonus Docenti, che è stato rinnovato ed “ampliato” anche per questo 2022.

Bonus Docenti 2022: a chi spetta, valore, come si ottiene, scadenza

Il concetto di Bonus Docenti in Italia da qualche anno è strettamente legato alla Carta del Docente, una forma di tessera che viene predisposta per i docenti di ruolo che operano nel nostro paese nel settore scolastico.

Si tratta di una forma di “aiuto” erogato sotto forma di un comune Bonus dal valore massimo di 500 euro che è stato confermato anche per l’anno in corso e che può essere utilizzato dal diretto interessato per corsi di aggiornamento, iscrizione all’università, ingresso nei musei e diversi altri prodotti e attività, nello specifico:

  • libri e testi, anche in formato digitale, di pubblicazioni e di riviste comunque utili all’aggiornamento professionale;
    hardware e software;
  • iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca;
  • iscrizione a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale, ovvero a corsi post lauream o a master universitari inerenti al profilo professionale
  • titoli di accesso per rappresentazioni teatrali e cinematografiche
  • titoli per l’ingresso a musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo;
  • iniziative coerenti con le attività individuate nell’ambito del piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione, di cui articolo 1, comma 124, della legge n. 107 del 2015

Il tutto è stato “dedicato” per gli insegnanti di ruolo a tempo indeterminato delle Istituzioni scolastiche statali, sia a tempo pieno che a tempo parziale, compresi i docenti che sono in periodo di formazione e prova, ma ancora una volta risultano esclusi i precari.

Proprio oggi è scaduto il termine ultimo per utilizzare il Bonus Docenti erogato nel 2021.

Come si ottiene? Attraverso l’accesso presso il portale ufficiale, al quale è possibile accedere tramite SPID.

Anche in questo caso la scadenza sarà molto probabilmente legata alla fine della prossima estate.

scuola Bonus Docenti